Pesce persico profumato al cartoccio

Oggi vi proponiamo un pesce di lago, di origine africana seppur molto diffuso in Europa, dl costo contenuto ma che, se preparato a dovere, può dare grandi soddisfazioni al palato. Al contrario del Persico Reale (unica specie autoctona in Italia), il persico africano ha un sapore molto delicato e, per questo, si usa friggerlo o cuocerlo nel burro: in questo modo si conferisce gusto, ma tantissime calorie e grassi insalubri.

Noi lo proponiamo marinato ed al forno, in maniera da renderlo saporito, gustoso e comunque salutare (tre cose difficilmente accostabili ). Quindi adatto anche alle diete più severe. 

DSC_0043

Difficoltà: facile.

Tempo totale 30’: 5’ di preparazione; 25’ di cottura.

Utensili particolari: pirofila da forno; pinza per deliscare il pesce; coltello flessibile per sfilettare il pesce; pennello da cucina.

Prezzo: economico.

Valori nutrizionali (per porzione): kcal 255; fat 11g, cho 0g, pro 39g.

Ingredienti per 2 persone (cooking in couple mode on!!):

  • 500g filetti di persico (pulito).
  • 16g olio.
  • Scorza di limone sotto sale (mezzo cucchiaino) o scorza grattugiata di limone fresco (vedere consigli 😉 ) 
  • 2 spicchi di aglio.
  • Prezzemolo q.b.
  • Origano q.b.
  • Sale rosa (grosso) q.b.
  • Pepe nero da macinare q.b.

 

Procedimento:

  • Preriscaldate il forno a 180 °C.
  • Preparate la marinatura: tritare finemente il prezzemolo e la scorza di limone. Emulsionate il tutto con l’olio.
  • Pulite i filetti di persico. Sciacquateli in acqua fredda e tamponate bene con della carta assorbente. Disponeteli in una teglia da forno ricoperta con carta forno (abbondante, vi servirà per il cartoccio!!) e spennellateli su ambo i lati con tutta la marinatura. Aggiungete le teste d’aglio schiacciate e private dell’anima interna. Spolverate col pepe e aggiungete il sale in grani. 
  • Chiudete adesso il cartoccio: ripiegate i lati lunghi uno sull’altro, come per foderare un libro, umidificandone le estremità in maniera che aderiscano meglio; piegate i lati corti a triangolo e poi più volte su loro stesse; disponete il lato di contatto tra i bordi centrali verso la teglia (così non si muoverà). Eh?? Non ci avete capito granché? Niente paura, guardate la foto per farvi un’idea…questo è solo uno dei possibili modi per realizzarlo; fate come più vi aggrada, basta che sia sigillato per non fa uscire i sapori ed il vapore.

DSC_0029

  • Infornate in forno statico preriscaldato a 180 °C per 25’, a seconda del grado di cottura preferito e dello spessore del pesce. 
  • Sfornate ed impiattate. Buon appetito! 🙂

 

Consigli:

  • Questa pietanza si abbina con vino bianco fermo, di medio corpo, in particolare con un Friulano od uno Chardonnay di Norina Pez.
  • La cottura del pesce può variare in funzione dello spessore del filetto: al tatto deve essere cedevole, ma sodo. In ogni caso evitate di seccarlo: è un pesce delicato.
  • Potete provare anche con pesci più ricercati, quali il merluzzo o il nasello, o altre tipologie a seconda della stagionalità (non il pangasio, quello no per cortesia….!)
  • L’uso del limone sotto sale è una chicca per dare una bella spinta di sapore: facile da preparare è un vero esaltatore di sapori, provatelo e non ne rimarrete delusi. Se non ne avete, non disperate: la buccia grattugiata di un limone o di un lime (biologico mi raccomando) andrà più che bene.
  • Il persico africano è un pesce di lago altamente infestante, difatti, nonostante la pesca intensiva non accenna a diminuire in numero: pertanto fatene scorpacciate senza sensi di colpa!!! 😉

 


Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...