Branzino al cartoccio in salsa di soia

Girovagando per il mercato o dinanzi ad un banco ben fornito, la voglia di cucinare del pesce ci assale ed ovviamente noi la assecondiamo sempre!! 😉 Le possibilità che ci offre il mare sono infinite: dalla varietà di prodotti alle diverse cotture che si possono fare, c’è da divertirsi ai fornelli.

Purtroppo il pesce non è presente quanto dovrebbe sulle nostre tavole: vuoi per l’impegno per prepararlo, vuoi per il prezzo eccessivo, sta di fatto che pochissimi lo preparano 2-3 volte a settimana. Male, molto male. Ma comprendiamo che in tempi normali la frenesia è alta ed i conti in tasca bisogna pur farseli; ecco che il mare nostrum ci viene in soccorso: ci sono tantissimi pesci definiti poveri, che permettono di preparare pranzetti deliziosi senza sforzo eccessivo e senza svenarsi!

Il branzino, o comunemente detto spigola nel meridione (Fabry docet!!) , è un pesce di mare dalle carni sode, delicate e gustosissime, molto magro (82 kcal per 100 g) , con lische grosse e facilmente individuabili ed impiegabile in diverse preparazioni. Tutte caratteristiche, assieme al costo contenuto, che lo rendono un pesce di prim’ordine da utilizzare in cucina.

Noi proponiamo una versione fusion al cartoccio, esaltata dal sapore orientale della salsa di soia e dello zenzero: un accostamento fantastico per gli amanti della cucina cinese e giapponese…e non solo!

Accompagnano il tutto patate e pomodorini. Costo bassissimo, impegno modesto e resa alta!

Allacciate i grembiuli allora!! 🙂

Difficoltà: facile.

Tempo totale 80’: 20’ di preparazione; 60’ di cottura.

Utensili particolari: pirofila da forno; pinza per deliscare il pesce; coltello flessibile per sfilettare il pesce; forbici da cucina, desquamatore; pennello da cucina.

Prezzo: medio-basso.

Valori nutrizionali (per porzione): kcal 638; fat 14g, cho 67g, pro 61g.

Ingredienti per 2 persone (cooking in couple mode on!!):

  • 2 branzini da 600g ciascuno (interi e da pulire, ma se vi li fate pulire dal pescivendolo sarà meglio) .
  • 500g patate rosse cherie (preferibilmente) .
  • 100g pomodorini.
  • 20g olio.
  • 10g zenzero fresco.
  • 1 spicchio di aglio.
  • 30g salsa di soia.
  • Prezzemolo.
  • Sale.

Procedimento:

  1. Mettete la patate a bollire per 40′ o fino a cottura; fate la prova della forchetta: se affondano facilmente i rebbi, sono cotte. Fatele intiepidire e tagliatele a cubetti; potete lasciare o meno la buccia a seconda delle preferenze.
  2. Passiamo al pesce: pulitelo direttamente nel lavabo per facilitare le operazioni (a meno che voi, furbescamente, non abbiate chiesto al pescivendolo di pulirvelo) . Squamate il pesce con l’apposito strumento o con il dorso di un coltello (con la lama il rischio di rovinarne la pelle sarebbe elevato) , procedendo dalla coda verso la testa. Sciacquatelo abbondantemente sotto acqua corrente fredda. Procedete adesso incidendo il ventre del pesce sempre dalla coda verso la testa (iniziate dove sentite il ventre diventare più cedevole al tatto) . Eliminate le interiora e pulite sotto acqua corrente: fate un lavoro certosino, pena un sapore amaro nelle carni limitrofe. Eliminate le pinne laterali e sciacquate ancora. Tamponate con carta da cucina. Ripetete per l’altro branzino. Incidete la carne per obliquo in tre punti diversi, da ambo i lati del pesce: dei tagli di 3-5cm basteranno.
  3. Tagliate i pomodorini a metà od in quarti, a seconda della grandezza.
  4. Grattugiate lo zenzero e tritate finemente uno spicchio di aglio privato dell’anima. Emulsionate nella salsa di soia e lasciate insaporire per qualche minuto.
  5. Spennellate il pesce con l’emulsione, sia sul dorso che all’interno.
  6. Ricoprite la pirofila con cartaforno, lunga almeno il doppio della teglia (non siate taccagni ed abbondate con la carta) ed adagiatevi il pesce. Ricoprite con le patate ed i pomodorini; salate le verdure, insaporite con qualche rametto di prezzemolo ed un giro di olio. Chiudete la carta forno facendo un pacchetto e cercando di sigillare bene.
  7. Infornate in forno statico preriscaldato a 200°C per 20’ . Aprite il pacchetto e finite la cottura con 3′ di grill.
  8. Impiattate e buon appetito!! 🙂

Consigli:

  • Questa pietanza si abbina con vino bianco sia fermo che bollicine, di medio corpo, in particolare noi consigliamo il Prosecco Extra Dry di @norina_pez_wines , qui la nostra recensione completa.
  • Consigliamo una birra equilibrata, con un amaro molto stemperato, rinfrescante e secca. Consigliamo la @asahisuperdryita . Qui la nostra recensione.
  • La cottura del pesce varia in funzione dello spessore del pesce: per 1kg occorreranno circa 35’ .
  • Consigliamo di pulire il pesce nel lavabo perché sarà più facile farlo e pulire successivamente. Usate dei guanti per queste operazioni….altrimenti saprete di pesce per tanto, tanto tempo.. 🙂

Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag #ilristoranteacasa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.