Spaghetti alla puttanesca

Lettori carissimi oggi ci cimentiamo con un piatto che è diventato un caposaldo della cucina tradizionale italiana: gli spaghetti alla puttanesca! Facile da realizzare e molto economico, la sua nascita è avvolta nel mistero, così come il suo nome, contesa tra Campania e Lazio.

Le origini più accreditate ne collocano i natali nella città Partenopea, vaso di Pandora della cucina tradizionale, ed in particolare come piatto rapido e povero realizzato “sciuè sciuè” (velocemente, ndr) nelle case chiuse dei Quartieri Spagnoli (rione storico del centro di Napoli, ndr) ; da qui l’appellativo attribuitele a posteriori, perché in città è nota semplicemente come pasta con “aulive e chiapperell”, dagli ingredienti che la compongono.

Ma aldilà delle diatribe sui suoi natali, quello che ci interessa è la sua bontà: un piatto estremamente semplice ed economico, come da migliore tradizione popolare, ma dai sapori intensi ed molto appaganti.

Quindi allacciamo i grembiuli e puttanesca sia! 🙂

Difficoltà: facilissima.

Tempo totale 30’: 10’ di preparazione; 20’ di cottura.

Prezzo: basso.

Valori nutrizionali (per persona): kcal 491; fat 15g, cho 76g, pro 13g.

Ingredienti per 2 persone (cooking couple mode on!!):

  • 200g di spaghettoni grossi @pasta_rummo (o spaghetti normali) .
  • 200g pelati di pomodoro @muttipomodoroit
  • 10g di doppio concentrato di pomodoro @muttipomodoroit
  • 40g olive nere di Gaeta denocciolate.
  • 20 capperi sotto sale (noi home made direttamente dalla Calabria).
  • 16g olio EVO @frantoiouliviliguria (km zero per una vera scoperta!) .
  • 1 spicchio di aglio.
  • Peperoncino Bio di Calabria Le regionali @cannamelaofficial
  • Sale.

Procedimento:

  1. Sciacquate bene i capperi e lasciateli in ammollo.
  2. Denocciolate le olive e tagliatele grossolanamente, anche con le mani.
  3. In una pentola (meglio se disponete di una casseruola di terracotta) fate soffriggere aglio, olio e peperoncino. Quando l’aglio diventerà bruno, eliminatelo ed aggiungete i pelati, che andrete a schiacciare con una forchetta. Unite le olive, il concentrato ed i capperi (ben strizzati) e lasciate cuocere per 10′ circa a fuoco moderato. A fine cottura il sugo sarà abbastanza scuro e denso. Regolate di sale.
  4. Portate a bollore l’acqua, salatela e cuocete la pasta secondo istruzioni (deve essere al dente) ; conservate parte dell’acqua di cottura.
  5. Fate saltare un minuto la pasta nel sugo, aggiungendo acqua di cottura se necessario.
  6. Impiattate e buon appetito!! 🙂

Consigli e varianti:

  • Noi consigliamo un vino bianco, rotondo e rinfrescante, che accompagni la sapidità accentuata del piatto. Un Costa d’Amalfi Bianco della cantina Marisa Cuomo @cantine_marisa_cuomo ci sembra perfetto!
  • Anche per la birra ci orientiamo su qualcosa di rinfrescante, agrumato ed asciutto. La APA “Beata ignioranza” del birrificio @rirraov è stata una ottima scoperta!
  • Gli spaghettoni possono esser sostituiti con spaghetti alla chitarra o classici, ma noi preferiamo quelli più spessi e corposi per un piatto così casalingo.
  • Le varianti non mancano di certo: nella versione laziale si aggiungono delle alici al soffritto, caricandone ulteriormente i sapori. Potete anche dare un po’ di freschezza con del prezzemolo tritato o dell’origano, che si accompagnano divinamente al piatto.
  • Una variante molto apprezzata dal Fabry ed anche più bilanciata, prevede una riduzione della pasta a 70g/porzione e l’aggiunta di 100g di tonno al naturale: una delizia molto più equilibrata!

Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.