Polenta e salsiccia

L’inverno è passato e finalmente le montagne della meravigliosa Valle d’Aosta (terra natia della Gio) sbocciano di vita ed armonia: i boschi riprendono vita, i prati sono verdissimi ed i fiori impreziosiscono la vista sulle montagne come in un dipinto di Monet! Tutto così pieno di vita e splendente 🙂

Questo è il periodo ideale per gli appassionati di escursioni e di natura, specialmente in questi paradisi in terra.

É dopo una bella sfacchinata per sentieri e boschi, volete mettere la soddisfazione di ristorarsi con un buon piatto di montagna, per riprendere fiato e farsi coccolare dal sapore autentico del cibo fatto in casa come un tempo?

Quindi pensate al nostro dramma (ed a quello di tutti gli appassionati) in questo momento di incertezza dettato dal COVID-19! Non sappiamo quando potremo ancora allietarci con l’aria delle montagne e la convivialità dei rifugi alpini! Posti del cuore per tutti gli amanti delle montagne, sono punti di ristoro per l’anima oltre che dalle fatiche terrene 🙂

Ci manca quell’atmosfera che permea questi piccoli angoli di autentico amore per la montagna e l’ospitalità! E ci manca il loro cibo, preparato con passione e rispetto per la tradizione: in particolare pensiamo a quando potremo ancora gustare la portata montana per eccellenza! Parliamo ovviamente della polenta, la regina della cucina di ogni ristoro alpino!

Nell’attesa di poter riprendere gli zaini e metterci in cammino, anche per aiutare tutti i gestori delle attività che hanno avuto grandissimi problemi derivanti dalla pandemia, abbiamo deciso di alleviare questa malinconia preparando un piatto stracolmo di polenta e grondante di salsiccette nel loro sugo rosso rubino.

Ringraziamo soprattutto il @rifugioalpenzugrande (Gressoney Saint Jean -AO) che ci ha fornito ricetta e polenta tipica del luogo (quella pronta del supermercato è un insulto alla vera cucina!):)

Quindi, niente zaini in spalla purtroppo, ma grembiuli allacciati e via a girare polenta!

Difficoltà: facile.

Tempo totale 140’: 20’ di preparazione; 2h di cottura.

Prezzo: basso.

Valori nutrizionali (per persona): kcal 831; fat 39g, cho 88, pro 32g.

Ingredienti per 2 persone (cooking couple mode on!!):

  • 200g polenta (noi utilizziamo la rustica macinata a pietra di Chappoz – Donnas (AO) già in elenco nel nostro paniere https://ilristoranteacasa.com/paniere/ )
  • 1,5L acqua.
  • 300g salsiccia valdostana dop.
  • 10g olio di semi.
  • 230g passata di pomodoro @muttipomodoro.it
  • 80g cipolla rossa di Tropea.
  • 100ml vino bianco secco.
  • 1 foglia di alloro.
  • 2 chiodi di garofano.
  • 4 bacche di ginepro
  • Sale q.b.

Procedimento:

  1. Tagliate a fettine molto sottili la cipolla.
  2. Dividete in pezzi di 3 cm la salsiccia e mettetela a rosolare in una pentola antiaderente a fuoco basso assieme all’olio; quando il grasso inizierà a sciogliersi ed avrà unto il fondo, alzate la fiamma e rosolate l’insaccato.
  3. Abbassate la fiamma ed aggiungete la cipolla; cuocete ancora 5-10 minuti fino a fare ammorbidire la cipolla.
  4. Alzate la fiamma e sfumate con il vino. Aggiungete le bacche di ginepro, l’alloro ed i chiodi di garofano.
  5. Aggiungete la passata e lasciate cuocere almeno 1h 30’ con coperchio e fuoco basso. Se necessario aggiungete acqua calda. A cottura ultimata eliminate i chiodi di garofano, le bacche di ginepro e l’alloro. Regolate di sale.
  6. A metà cottura del sugo iniziate a preparare la polenta, portando a bollore l’acqua.
  7. Raggiunto il bollore, salate con 6g di sale, abbassate la fiamma e versate la polenta a pioggia mescolando energicamente con un cucchiaio di legno. Alzate la fiamma fino alla ripresa del bollore; poi abbassatela al minimo, rimestando continuamente, o quasi, per 60’ (è un lavoraccio se non avete la polentiera, ma ne vale la pena!!) Aggiungete acqua calda se la polenta dovesse asciugarsi troppo.
  8. Passato il tempo di cottura alzate la fiamma e mescolate energicamente fino a quando la polenta non tenderà a staccarsi dalle pareti e dal fondo. A questo punto sarà pronta.
  9. Impiattate creando un fondo di polenta ed adagiandovi sopra le bombettine di gusto delle salsiccine col loro sugo di cottura. Buonissima pappa!

Consigli e varianti:

  • Potete ovviamente usare anche altra salsiccia, l’importante è che sia di qualità (gli scarti son scarti, non si fanno gli insaccati!) ed abbia una percentuale idonea di grasso tra il 20 ed il 25%: per i nostri gusti è l’ideale per avere un sapore intenso ed una untuosità non eccesiva. Ma ognuno ha i suoi gusti 😉
  • Non nominate nemmeno la polenta istantanea: deve essere di qualità e cotta come da tradizione. Nessun compromesso!
  • Consigliamo di abbinare un rosso fermo, dal colore rosso rubino, secco, con note fruttate: un Langhe Nebbiolo DOC “Bric Amel “ 2018 – Marchesi di Barolo od un Valle d’Aosta Rosso DOC “Mariadzo” 2015 – Le Vieux Joseph, sono le nostre scelte. Ma non disdegnamo un bel vino locale tipico dell’alto Piemonte e della Valle d’Aosta!
  • Il sugo potete prepararlo anche il giorno prima e lasciarlo riposare in frigo: sarebbe anche meglio così!

Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.