Polenta e funghi porcini

Le montagne della Giò sono un paradiso in terra, che offrono scorci mozzafiato, possibilità di interagire con la natura e tour eno-gastronomici formidabili! La Valle d’Aosta è tutto questo e molto altro ancora.

Nei nostri peregrinaggi da un rifugio all’altro, svalicando per cime meravigliose ed ardue con (tanto) sudore e (ancor più) soddisfazione, siamo stati ospiti in diverse strutture, dove ci siamo rifocillati e ripresi dalla sfacchinata. Questo ci ha permesso di gustare prelibatezze locali preparate in diverse versioni , apprezzandole ancora meglio: polenta, polenta concia, carbonade, mocetta, marmellate, torte home made, latte e yogurt di alpeggio…..ahh che meraviglia!

Uno dei nostri ultimi trekking in Valle (Rifugio di Alpenzu Grande-Arp- Alpenzu) ci ha regalato un piatto buonissimo, tipico del periodo: eravamo infatti in piena raccolta di funghi! Porcini, finferli, margherite, etc…la montagna ne offre tantissime qualità ed in abbondanza; tanto da poterne gustare diverse preparazioni.

Tra queste, quella che più ci è rimasta impressa è l’accostamento, geniale nella sua semplicità, di polenta e porcini: semplicemente divino… e pensare che era un piatto povero della tradizione locale 🙂 Incredibile vero? Eppure è proprio così: due prodotti locali a costo bassissimo (per chi ha i funghi a portata di cestino ovviamente 😉 ) consumati secondo stagionalità!

Quindi vi proponiamo della polenta ripassata (un piatto di risulta che non si butta mai!!) con dei funghi porcini trifolati :); in più è un piatto vegano che in montagna è una perla rara, ma che può soddisfare un’ampia platea di utenti 😉

Difficoltà: facile.

Tempo totale 150’: 20’ di preparazione; 1h 10’ di cottura; 1h di raffreddamento (minimo).

Attrezzi particolari: spelucchino.

Prezzo: alto (a meno che non possiate raccogliere da voi i funghi 🙂 ).

Valori nutrizionali (per persona): kcal 445; fat 9g, cho 77, pro 14g.

Ingredienti per 2 persone (cooking couple mode on!!):

  • 200g polenta (noi utilizziamo la rustica macinata a pietra di Chappoz – Donnas (AO) già in elenco nel nostro paniere https://ilristoranteacasa.com/paniere/ )
  • 1,5L acqua.
  • 300g porcini freschi (o congelati).
  • 16g olio EVO.
  • 100ml vino bianco secco.
  • 1 spicchio aglio.
  • Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.
  • Peperoncino q.b.

Procedimento:

  • Portate a bollore l’acqua per la polenta.
  • Raggiunto il bollore, salate l’acqua con 6g di sale, abbassate la fiamma e versate la polenta a pioggia mescolando energicamente con un cucchiaio di legno. Alzate la fiamma fino alla ripresa del bollore; poi abbassatela al minimo, rimestando continuamente, o quasi, per 60’ (è un lavoraccio se non avete la polentiera, ma ne vale la pena!!) Aggiungete acqua calda se la polenta dovesse asciugarsi troppo.
  • Passato il tempo di cottura alzate la fiamma e mescolate energicamente fino a quando la polenta non tenderà a staccarsi dalle pareti e dal fondo. A questo punto sarà pronta.
  • Fatela raffreddare e ponete in frigo almeno un’ora, meglio tutta la notte; porzionate secondo preferenza.
  • Pulite i funghi con lo spelucchino eliminando le impurità, la terra e le parti legnose; ripassateli delicatamente con un panno bagnato (non metteteli sotto l’acqua!!); affettateli per lungo od a cubetti se preferite. Tritate finemente il prezzemolo.
  • Fate rosolare l’aglio, prezzemolo e peperoncino nell’olio; quindi unite i porcini e fate saltare a fuoco molto vivace. Dopo qualche minuto sfumate col vino bianco e portate a cottura a fiamma moderata per altri 5-8 minuti (dovranno essere morbidi ma sodi), aggiungendo acqua calda se necessario; eliminate l’aglio.
  • Ponete la polenta porzionata e ben fredda su una piastra arroventata e spennellata con un filo di olio: 7 minuti per lato a fuoco medio o fino alla creazione delle linee di doratura della piastra (dipende tanto dallo spessore della polenta; noi consigliamo quadrati/rettangoli di 2cm di spessore!).
  • Impiattate secondo gusto personale: noi presentiamo i funghi in una cocotte @lecrueset, che apprezziamo particolarmente, e la polenta a fianco; ma potete optare per la versione più rustica tenendo per base la polenta e ricoprendola coi porcini. Buon appetito montanaro 🙂

Consigli e varianti:

  • I porcini costano abbastanza e non sono sempre reperibili: se usate quelli surgelati tagliateli finemente appena tolti dal freezer e fateli saltare subito nell’olio caldissimo; solo così resteranno belli sodi! In alternativa ai porcini potete usare i funghi a disposizione o fare un mix 😉
  • Consigliamo di abbinare un rosso elegante e complesso come un Enfer d’Arvier Supérier valdostano DOC: dal sapore intenso e corposo e dal colore rubino che, con l’invecchiamento, tende al granata; ha un gusto secco e vellutato, che sprigiona un retrogusto amarognolo..
  • Consigliamo di preparare la polenta la sera prima e raffreddarla in frigo per almeno un paio d’ore, meglio tutta la notte: sarà più facile da piastrare!

Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...