Uova al purgatorio

Secondo piatto semplice, economico ma molto nutriente ed alla portata di tutti; insomma una portata come richiede la tradizione popolare!

Di origine incerta, probabilmente partenopea, ci sono diverse interpretazioni di questo secondo così popolare; così come molteplici sono le presunte origini del nome: quella che personalmente preferiamo si figurava le anime (bianco delle uova) del purgatorio circondate dalle fiamme (il rosso della salsa) degli inferi 👿

Accompagnate con del pane tostato (preferibilmente fatto in casa) indispensabile per fare la scarpetta, diventano un piatto unico, bilanciato e velocissimo.

DSC_0105

Difficoltà: facile.

Tempo totale 25’: 10’ di preparazione, 15’ di cottura.

Utensili particolari: padella dai bordi alti e coperchio trasparente.

Prezzo: basso.

Valori nutrizionali (per persona; pane non incluso): kcal 270; fat 18g, cho 11g, pro 16g.     per 2 persone

Ingredienti per 2 persone(cooking couple mode on):

  • 4 uova.
  • 400g pomodori pelati Mutti.
  • 100g cipolla bianca.
  • 16g olio di oliva.
  • Pepe nero da macinare q.b.
  • Sale q.b.
  • Basilico od origano q.b.
  • Pane rustico q.b. (opzionale).

Procedimento:

  1. Tagliate la cipolla in maniera grossolana (8-12 pezzi) e fatela imbiondire nell’olio.
  2. Versate i pelati e fateli cuocere 5-7’ spezzettandoli con una forchetta o cucchiaio (in plastica o legno per non rigare la padella).
  3. Una volta cotti i pelati salate, insaporite col pepe ed aggiungete del basilico e/o origano secondo piacimento (lasciate qualche fogliolina per guarnire).
  4. Con un cucchiaio create dei “crateri” nella salsa, che dovrà essere bella densa in maniera tale da contenere le uova sgusciate (fate 4 spazi a croce ed in ognuno accomodate un uovo);
  5. Coprire e portare a cottura in 3-5’, lasciando il tuorlo semi liquido: qui fate attenzione perché il bianco deve essere cotto ed il tuorlo semiliquido.dav
  6. A cottura ultimata, impiattate e spolverate con pepe nero; guarnire col basilico rimasto. Buon appetito!! 🙂

Consigli e varianti:

  • Suggeriamo un Fiano di Avellino: un bianco campano, ben strutturato, morbido ed aromatico.
  • Se non disponete dei pomodori pelati o volete velocizzare ancora di più la ricetta, utilizzate della passata pronta.
  • Una ottima variante può essere realizzata con l’aggiunta di peperoni freschi da far saltare assieme alle cipolle e poi cuocere col pomodoro: ovviamente i tempi si allungheranno. Potete anche aromatizzare la salsa con della paprika affumicata: sarà accellente!
  • Ovviamente senza pane o con prodotti glutenfree, diventa un’ottima proposta per gli intolleranti al glutine!

Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...