Risotto salsiccia e radicchio

Approfittando di uno degli ultimi radicchi che ci ha proposto il nostro fruttivendolo di fiducia, vi proponiamo questo piatto della tradizione nord est italiana (soprattutto), una portata molto saporita e decisa: l’amaro del radicchio stempera perfettamente la parte lipidica del salume, dando un connubio bilanciato ed armonioso, che si trasforma in una esplosione di gusto.

Pronti per questo risotto contadino che esalta i sapori e la tradizione regionale?

DSC_0048

Difficoltà: media.

Tempo totale 35’: 15’ di preparazione; 20’ di cottura.

Prezzo: basso.

Valori nutrizionali (per persona): kcal 757; fat  33g, cho  83g, pro  32g.

Ingredienti per 2 persone (cooking couple mode on!!):

  • 250g salsiccia di maiale.
  • 180g riso Carnaroli (di ottima qualità).
  • 500g radicchio rosso (preferite il trevigiano se reperibile).
  • 100g cipolla bianca.
  • 16g olio di oliva.
  • Brodo vegetale caldo q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Sale q.b.

 

Procedimento:

  • Private la salsiccia del budello esterno, se presente, e sbriciolatela non troppo finemente.
  • Tostate in una padella il riso (senza olio o altro; vedere “Consigli” per maggiori info).
  • Fate rosolare la salsiccia a fuoco medio, facendo sciogliere bene una parte del grasso. Aggiungete 10g di olio e la cipolla tritata finemente e fate soffriggere.
  • Alzate la fiamma e fate rosolare bene la salsiccia. 
  • Aggiungete il riso ed allungate con un mestolo di brodo. Portate a cottura il riso a fuoco moderato addizionando brodo od acqua calda secondo necessità. Aggiustate di sale.
  • A metà cottura del riso, aggiungete il radicchio tagliato grossolanamente (come per un’insalata).
  • Quando il risotto sarà cotto, spegnete la fiamma, pepate e mantecate con l’olio rimasto.
  • Impiattate e spolverate con un giro di pepe. Buonissima pappa!  🙂

 

Consigli:

  • Consigliamo un vino bianco aromatico, alcoolico e con una vena acida come un Gewurztraminer di Norina Pez.
  • Come birra, apprezziamo l’accostamento delle India Pale Ale dal sentore agrumato.
  • Una precisazione va fatta sulla tostatura del riso. Di solito si consiglia di imbiondire lo scalogno ed unire il riso per tostarlo: ma così facendo o si tosta poco e male il riso; o si brucia lo scalogno, cosa poco raccomandabile. Allora suggeriamo di tostare a secco il riso e di ri-rosolarlo un paio di minuti con olio e scalogno, facendo attenzione che non brucino.

 


Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...