Panini con semi di papavero

Esordiamo nelle preparazioni base con un must della cucina di tutto il mondo: il pane! Non esiste nessuna cultura che non abbia la sua versione, anzi molteplici versioni. È un prodotto che può adattarsi ai gusti più disparati presentando forme e sapori sempre diversi. Ma ovunque andiate, il profumo del pane appena sfornato vi farà sempre sorridere e venir voglia di mangiare.

Oramai reperibile ovunque ed a buon mercato (almeno nel meridione….al Nord un po’ meno), potrebbe sembrare banale approcciarsi alla panificazione…ma niente di più sbagliato!!! La lievitazione, soprattutto se realizzata con lievito madre, è un processo certosino e complesso, al quale bisogna dedicarsi con costanza e dedizione.

Esordiamo proponendo una ricetta abbastanza abbordabile anche dalle prime armi, che vi darà sicuramente soddisfazione nel realizzarla: sfornare i primi panini sarà una bellissima sensazione!

DSC_0214

Difficoltà: media.

Tempo totale 50’ + 11h di riposo: 30’ di preparazione; 20’ di cottura.

Utensili particolari: spianatoia; carta forno; pellicola trasparente.

Prezzo: basso.

Valori nutrizionali (per panino da 115g): kcal 308; fat 8g, cho 50g, pro 9g.

Ingredienti per 2 persone – 2 panini da 115g (cooking couple mode on!!):

  • 120g farina di tipo 1 + farina per impastare.
  • 64g acqua a temperatura ambiente (24 °C).
  • 30g pasta madre rinfrescato (vedi note in calce).
  • 3g malto.
  • 16g olio di oliva.
  • 2.4g sale.
  • Semi vari e latte q.b.

 

Procedimento:

  • Stemperare nell’acqua il lievito madre rinfrescato: dovrete farlo sciogliere fino a creare una crema. 
  • Unite malto ed 1/3 della farina setacciata. Lavorate vigorosamente fino all’assorbimento dell’acqua. Unite un altro terzo di farina setacciata e lavorate ancora. Ripetete con la farina rimasta fino ad ottenere un prodotto omogeneo ed incordato (ossia tenace, con il giusto grado di forza).
  • Sciogliete il sale nell’olio; aggiungetelo all’impasto poco per volta (almeno in 4-5 riprese), avendo cura di far assorbire tutto l’olio prima di versarne dell’altro per non perdere l’incordatura.
  • Fate un giro di pieghe a portafoglio (vedi note in calce) e formate una palla. Lasciate riposare per circa 1h.
  • Dopodiché dividete in due panetti da 115g circa e formate due palline; disponete sulla placca da forno ricoperta di carta forno e coprite con della pellicola trasparente. Lasciate riposare fino al raddoppio: ci vorranno circa 10h ad una temperatura di 24 °C; un po’ di più o di meno a seconda della temperatura più o meno bassa.
  • 10’ prima di infornare togliete la pellicola per far creare una piccola crosticina e riscaldate il forno a 190°.
  • Al momento di infornare spennellate la superfice con latte e cospargete di semi a piacere. Infornate in modalità statica per 15-20’, fino alla doratura dei panini.
  • Lasciate raffreddare su una griglia per evitare la condensa, assaporate l’aroma emanato e buon appetito! 🙂

 

Consigli e varianti:

  • Il lievito madre, il must della lievitazione, deve essere rinfrescato la sera prima di essere utilizzato o almeno fino al suo raddoppio in volume. A breve vi daremo tutte le info per realizzarlo, non temete.
  • Se proprio siete costretti, utilizzate il lievito di birra: 2.5g; ma dovrete togliere 20g di farina e 10g di acqua. Ma il risultato sarà diverso e molto meno digeribile e fragrante. I tempi di lievitazione si ridurranno drasticamente. Ma sappiate che non approviamo!!
  • Se non disponete del malto, utilizzate del miele o…nulla. Potete anche non mettere niente con una farina forte (proteine >12g).
  • Giro di pieghe: esistono vari tipi di pieghe realizzabili. Noi vi proponiamo quella a portafoglio che è abbastanza semplice: stendete la pasta da lavorare in forma più o meno quadrata; stirate un angolo verso l’esterno e portatelo al centro della pasta; ripetete in senso orario con tutti gli angoli. Dopodiché fate la stessa cosa con i nuovi angoli creati. Capovolgete la massa ed avrete una bella palla. 
  • Usate i semi che preferite: papavero, sesamo, etc. o combinateli assieme.
  • Al posto del latte potete usare del rosso d’uovo o del bicarbonato sciolto in acqua. Risultati sempre diversi ed eccezionali!

 


Provate le nostre ricette e taggateci su Instagram aggiungendo il nostro tag @ilristoranteacasa


 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...